Università degli Studi del Molise Commissione Europea Training of National Judges in EU Competition Law Autorità garante della concorrenza e del mercato Consiglio Superiore della Magistratura Scuola Superiore della Magistratura

Secondo aggiornamento della voce: I rapporti tra diritto antitrust e diritti di proprietà intellettuale

Giurisprudenza comunitaria: il caso CISAC

Con sentenze del 12 aprile 2013, relative alla causa n. T-442/08 e alle cause connesse, il Tribunale UE (“Tribunale”) ha parzialmente annullato la decisione della Commissione Europea (“Commissione”) assunta nel 2008 nei confronti della Confederazione Internazionale delle Società di Autori e Compositori (“CISAC”) e di una ventina dei suoi membri (le c.d. collecting societies, segnatamente, società di gestione collettiva di diritti d’autore sulle opere musicali, “SGC”).
Tale decisione aveva ad oggetto le condizioni di gestione dei diritti di esecuzione in pubblico delle opere musicali nonché di concessione delle licenze corrispondenti, per quanto riguarda le modalità di sfruttamento via Internet, satellite e ritrasmissione via cavo .
In particolare, la Commissione aveva ritenuto che una serie di clausole contenute negli accordi di rappresentanza reciproca, conclusi dalle varie SGC sulla scorta del contratto tipo, non vincolante, elaborato dalla CISAC, costituissero una violazione della normativa antitrust in quanto atte a limitare la capacità delle SGC di offrire i propri servizi agli utilizzatori commerciali delle opere musicali al di fuori dei rispettivi territori nazionali.
La Commissione aveva censurato: (i) la clausola di affiliazione, che limitava la possibilità di accettare come membro un autore già affiliato ad un’altra SGC; e (ii) la clausola di esclusiva, in forza della quale ciascuna SGC conferiva il diritto di concedere licenze, relative alle opere del proprio repertorio, in esclusiva alle altre società nei rispettivi territori.
Oltre a censurare le suddette clausole contenute nei singoli accordi, la Commissione aveva, poi, ricondotto il loro generale utilizzo, da parte di tutte le SGC, ad una pratica concordata.
Con le sentenze in esame, il Tribunale, ha confermato l’illiceità delle clausole di affiliazione e di esclusiva, ma ha annullato la decisione nella parte relativa all’accertamento della pratica concordata, non ritenendo sufficientemente provata da parte della Commissione la concertazione tra le SGC.

© Copyright 2014 – Da citarsi come: E. Fabrizi, Aggiornamento alla voce I rapporti tra diritto antitrust e diritti di proprietà intellettuale, in L.F. Pace (a cura di), Dizionario sistematico della concorrenza, Jovene, 2013, disponibile al sito www.competition-law.eu.

Autore: Enrico Fabrizi

V. anche la voce del Dizionario

Tagged under:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Subscribe to Blog via Email

Enter your email address to subscribe to this blog and receive notifications of new posts by email.

RSS Feed