Università degli Studi del Molise Commissione Europea Training of National Judges in EU Competition Law Autorità garante della concorrenza e del mercato Consiglio Superiore della Magistratura Scuola Superiore della Magistratura

Aggiornamento: Il recupero degli aiuti illegali e incompatibili e le relative controversie dinanzi ai giudici nazionali (Diritto UE)

Dizionario sistematico del diritto della concorrenza Il 13 febbraio 2014, in risposta ad una questione pregiudiziale sollevata dal Tribunale di Roma, la Corte di giustizia dell’Unione europea (“la Corte”) ha fornito dei chiarimenti rispetto alla determinazione esatta degli importi degli aiuti da recuperare da parte del giudice nazionale. Nel richiamare il ruolo complementare ma distinto della Commissione e dei giudici nazionali, la Corte ha ribadito che la Commissione non è tenuta, nelle sue decisioni, a quantificare l’importo esatto da recuperare. Specialmente nel caso dei regimi di aiuti, la Commissione, infatti, non è di norma in grado di identificare con precisione l’importo e le circostanze particolari proprie di ogni beneficiario, che vanno valutate nella fase del recupero. Mentre le decisioni della Commissione sono vincolanti per il giudice nazionale ai sensi dell’art. 288 TFUE, lo stesso non può dirsi delle lettere con le quali la Commissione prende posizione sul recupero e indirizza l’intervento del giudice nazionale. Tuttavia, alla luce del principio di leale cooperazione di cui all’art. 4, paragrafo 3, TUE, il giudice nazionale deve tenere conto di tali prese di posizione come elemento di valutazione nell’ambito della controversia di cui è investito, al pari dei pareri chiesti alla Commissione ai sensi della Comunicazione della Commissione relativa all’applicazione della normativa in materia di aiuti di Stato da parte dei giudici nazionali. In ogni caso, il giudice nazionale può concludere, senza rimettere in discussione la validità della decisione della Commissione né l’obbligo di restituzione degli aiuti in questione, che l’importo dell’aiuto da restituire è pari a zero quando ciò derivi dai calcoli effettuati sulla base dell’insieme degli elementi rilevanti portati alla sua conoscenza (C. giust. UE, 13 febbraio 2014, causa C-69/13 Mediaset SpA c. Ministero dello Sviluppo economico, non ancora pubblicata in Raccolta).

© Copyright 2014 – Da citarsi come: M. Merola-T. Ubaldi, Aggiornamento alla voce Il recupero degli aiuti illegali e incompatibili e le relative controversie dinanzi ai giudici nazionali (Diritto UE), in L.F. Pace (a cura di), Dizionario sistematico della concorrenza, Jovene, 2013, disponibile al sito www.competition-law.eu.

Autore: Massimo MerolaTecla Ubaldi

Vedi anche la voce del Dizionario.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Subscribe to Blog via Email

Enter your email address to subscribe to this blog and receive notifications of new posts by email.

RSS Feed