Università degli Studi del Molise Commissione Europea Training of National Judges in EU Competition Law Autorità garante della concorrenza e del mercato Consiglio Superiore della Magistratura Scuola Superiore della Magistratura

P. Comoglio, Il giudice specializzato in materia d’impresa, Giappichelli, 2014, € 30

Schermata 2014-09-27 alle 16.00.02

P. Comoglio, Il giudice specializzato in materia d’impresa, Giappichelli, 2014, € 30

Indice

Premessa

CAPITOLO PRIMO
OBSOLESCENZA DEL PRINCIPIO DELL’UNITÀ
DELLA GIURISDIZIONE
1. Evoluzione del principio dall’affermazione degli Stati-nazione
2. Diritto positivo e manifestazioni del principio
3. Sua attuazione “imperfetta”
4. Recenti sviluppi di assetto normativo
5. Qualche iniziale raffronto comparato
CAPITOLO SECONDO
PROCESSO DECISIONALE “IDONEO”
COME DECLINAZIONE DELLA SPECIALITÀ
1. Parametri epistemologici di riferimento
2. Forme molteplici di razionalità della decisione
3. Gradi di razionalità della decisione giudiziale
4. La decisione come cognizione complessa ed esperta
5. Modelli nell’ordinamento italiano
6. Idoneità, specializzazione del giudice e principi costituzionali
CAPITOLO TERZO
RECENTI DISCIPLINE DELL’IMPRESA,
STRUMENTI DI SPECIALIZZAZIONE DEL GIUDIZIARIO
E QUALIFICAZIONE DEI CONFLITTI DI COMPETENZA
1. Il problema della specializzazione del giudice nel contenzioso industriale
2. Riaffermata funzione giurisdizionale dei giudici speciali. Il caso della Commissione
Ricorsi
3. Competenza funzionale quale strumento indiretto di specializzazione del giudice
4. Creazione e strutturazione di sezioni specializzate
5. Frammentazione del “giudiziario industriale” e conflitti di competenza in materia
di concorrenza – La concorrenza sleale “pura”
6. Segue: Le controversie individuali e collettive antitrust
7. Qualificazione dei conflitti
CAPITOLO QUARTO
TRIBUNALE DELLE (GRANDI) IMPRESE
E SPECIALITÀ DEL CONTENZIOSO
1. Criteri di razionalizzazione delle controversie industrialistiche
2. Prospettiva pubblicistica e “controversia specializzata”
3. Riflessi sull’ampliamento del contenzioso societario
4. Segue: Le controversie relative a “rapporti societari”, trasferimenti di partecipazioni
e patti parasociali
5. Le controversie relative a contratti pubblici di appalto di lavori, servizi o forniture
di rilevanza comunitaria
6. Omissione del contenzioso in materia di concorrenza sleale e problemi di connessione
CAPITOLO QUINTO
NOZIONE DI SPECIALIZZAZIONE
DEL GIUDICE E SUA FILOSOFIA.
CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE
1. Ragioni di specializzazione e valutazione di opportunità relative
2. Decisione “giusta” come parametro di riferimento. Criteri tradizionali e nuove
elaborazioni
3. Profili di applicazione settoriale della norma come “standard” generale
4. Danno traslato nella legislazione antitrust e tutela processuale – Raffronto con
il modello statunitense
5. Profilo dell’accertamento del fatto e sue specifiche peculiarità nel contesto industriali stico e societario
6. Modalità di prova delle violazioni in materia di concorrenza e la Business Judgement
Rule come criterio probatorio
7. Giustizia della decisione nell’ottica della complessità processuale – Atti introduttivi
e concetto di plausibility
8. Specializzazione come articolazione del giudice – La figura dello Special Master
nell’ordinamento statunitense
9. Segue: Il modello dell’ausilio: la figura del law clerk nella cultura statunitense
e l’ufficio del processo nella giustizia italiana
10. Considerazioni di sintesi e suggestioni conclusive

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Subscribe to Blog via Email

Enter your email address to subscribe to this blog and receive notifications of new posts by email.

RSS Feed