Università degli Studi del Molise Commissione Europea Training of National Judges in EU Competition Law Autorità garante della concorrenza e del mercato Consiglio Superiore della Magistratura Scuola Superiore della Magistratura

Le conseguenze civilistiche dell’illecito antitrust

Il profilo delle conseguenze civilistiche dell’illecito antitrust risulta appena lambito dalle norme antimonopolistiche del Trattato dal momento che ve ne è traccia unicamente in seno all’articolo 101 TFUE, allorchè si profila la sanzione della nullità a carico delle intese vietate.
Senonché, non solo una previsione siffatta lascia residuare svariati interrogativi in merito alla fenomenologia delle intese ed alle ripercussioni a carico dei terzi, tanto in termini propriamente contrattuali (contratti c.d. a valle) che extracontrattuali; ma priva di qualsivoglia previsione diretta sulle conseguenze civilistiche delle condotte che vieta risulta l’art. 102 TFUE, dedicato alla repressione degli abusi di posizione dominante.

La Voce esamina dunque in dettaglio le diverse opzioni esegetiche e ricostruttive nell’alternativa tra rimedi di marca contrattuale (invalidità/restituzioni, responsabilità contrattuale) ed aquiliana.

Autore voce 028/2013: Enrico Camilleri

© Copyright 2013 – Voce da citarsi come: E. Camilleri, Le conseguenze civilistiche dell’illecito antitrust, in L.F. Pace (a cura di), Dizionario sistematico della concorrenza, Jovene, 2013, p. 290

One comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Subscribe to Blog via Email

Enter your email address to subscribe to this blog and receive notifications of new posts by email.

RSS Feed